Quale supporto scegliere per il tuo pavimento in legno NeroParquet


Il supporto è lo strato su cui viene incollata l'essenza nobile.

Questa caratteristica determina in parte il prezzo e soprattutto la capacità di stabilità del parquet.

I supporti possono essere in vero legno oppure di truciolare.

Vediamone le caratteristiche nel dettaglio:


Supporto in abete

Il top per i parquet a tre strati, da posare flottanti o incollati, il supporto in abete conferisce al pavimento una stabilità eccezionale anche in condizioni critiche; unico svantaggio il prezzo elevato.


Supporto in betulla

È il top per i parquet a due strati, da posare solo incollati. La betulla, però, deve essere incrociata rispetto alla fibra del parquet e prevedere spazi per la dilatazione. Essendo un multistrato la cui produzione richiede una gran quantità di colla, diventa importantissimo che la provenienza di quest’ultima sia certificata


Supporto in pioppo

È un supporto con un buon rapporto qualità/prezzo: ha una buona stabilità e costi non eccessivi.


Supporto in pino, frassino, compensato marino, MDF, HDF e truciolari

Sono i supporti di fascia bassa, normalmente utilizzati per il loro basso costo ai parquet destinati alla grande distribuzione. La stabilità non è eccezionale, motivo per cui non si adattano ad ambienti di posa instabili come taverne, case al primo piano non perfettamente coibentate, case al mare, case abitate non di continuo o con escursioni termiche elevate.

All rights are reserved 
©Neroparquet

  • Bianco Facebook Icon
  • Bianco Instagram Icona
  • Bianco Houzz Icona
  • Bianco Pinterest Icon